fbpx

La Casa di Carta 5: il colpo anti spoiler

Data:

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

In occasione dell’uscita della quinta stagione de La Casa di Carta, Netflix Italia ha attuato una strategia di marketing per tutelare il divertimento dei fan evitando gli spoiler. Cento tra i più grandi spoileratori d’Italia sono stati sequestrati per assistere a una proiezione esclusiva in un luogo dove non potessero accedere a Internet: un aereo allestito a tema La Casa di Carta.

“No spoiler Heist”: il piano del Professore

Contemporaneamente all’uscita della serie su Netflix cento fan spoileratori sono decollati dall’aeroporto di Genova, nel rispetto delle disposizioni anti Covid-19, per un volo della durata dei primi cinque episodi della stagione finale: cinque ore con telefoni spenti e senza acceso a Internet per consentire a tutti i fan rimasti a terra di godersi le puntate senza anticipazioni online.

Il video dell’iniziativa, che si apre con la frase «Cosa c’è di peggio che aspettare per mesi la stagione finale di una serie? Che qualcuno te la spoileri appena esce», è stato pubblicato sul canale YouTube di Netflix Italia.

 

L’esperienza a bordo è iniziata con la voce del Professore che ha rivelato ai passeggeri la durata del viaggio e il motivo per cui erano stati presi in ostaggio: la loro propensione a fare spoiler sui social media.

Netflix e le strategie di marketing per promuovere le nuove stagioni

Non è la prima volta che Netflix realizza strategie di marketing che fanno parlare di sé, ad esempio in occasione del lancio della terza stagione de La Casa di Carta era stata lanciata una vera e propria “caccia agli indizi”, tra teaser, spot ed enigmi, per offrire ai fan qualche dettaglio sulla terza serie.

In questo modo la piattaforma è riuscita a generare un notevole interesse tra gli utenti sulle novità della nuova stagione attraverso una strategia coerente con la trama de La Casa di Carta, caratterizzata dai numerosi enigmi rivolti dal Professore alla polizia.