fbpx

Nasce “Milan Media House”

Data:

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Comunicazione e marketing, lezione numero uno: mai sentirsi appagati.
L’AC Milan lo sa bene. Nonostante i 121 anni di gloria ed i 500 milioni di tifosi nel mondo, si punta dritti al futuro. È stata appena annunciata, infatti, la nascita di “The Studios: Milan Media House”.

Cos’è Milan Media House?

È l’internalizzazione di tutti i processi mediatici e di diffusione dei contenuti: un hub di proprietà di produzione e distribuzione mediatica.
La trasformazione digitale della società milanese parte dall’intrattenimento: lo sport è in continua evoluzione e vi è, secondo il Club, necessità di un rapporto diretto con il consumatore. Con questo tipo di relazione, Casa Milan rafforzerà il legame emotivo con utenti vecchi e nuovi, grazie alla cura dettagliata di contenuti social su Twitch o Tik Tok, percorrendo anche la strada della televisione.

L’AC Milan come Media Company

L’evoluzione mediatica del club di Via Turati – e la sua conseguenziale rinascita da Media Company – passa dai nuovi studi multimediali situati al primo piano del quartier generale “Casa Milan”: 1000 metri quadrati di tecnologia pura, spazio di produzione e di sviluppo contenuti. Il tutto per vivere la passione rossonera a 360 gradi.

Gli studi, che potranno essere affittati anche da terze parti per la produzione dei propri contenuti, contano tre set diversi dotati di tecnologie all’avanguardia, come display LCD-LED e telecamere 4k. Saranno, inoltre, presenti una sala di controllo, una di speakeraggio per il commento dei match e la realizzazione di Podcast.

Opportunità e scenari futuri

La “squadra” degli Studios, che conta circa quaranta persone, sarà guidata dal Marketing & Digital Director di AC Milan, Lamberto Siega. Egli ha dichiarato in un’intervista: “Con The Studios: Milan Media House aumentiamo in maniera significativa la produzione di contenuti multimediali, sia per le piattaforme più tradizionali che per quelle più innovative. Il progetto ha nella flessibilità scenica e nella tecnologia di ultima generazione due pilastri fondamentali che consentiranno di mettere a disposizione questi spazi anche ai partner commerciali o terze parti interessate e ovviamente alle strutture interne del Club. Sarà infatti possibile ospitare le TownHall della società, incontri con sponsor ed eventi di teamworking”.

Come sosteneva il filosofo francese Henri Bergson, la comunicazione avviene quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento d’anima.
Ed è proprio quell’anima a cui si consegna il tifoso sugli spalti ogni domenica, in quelle tribune ancora vuote, dove, con quell’anima, spera di tornare presto a cantare.